Un tocco di Zenzero (2003)

Il film del regista greco Tassos Boumetis, dal titolo originale “Politiki Kouzuna” ci porta in una bottega di spezie,  nei vicoli di Istanblu, dove i segreti dell’universo  vengono raccontati attraverso gli odori e i sapori della cucina, dal nonno  di Fanis, bambino della comunità greco-Ortodossa della città.

Campione di incassi e premiato in Grecia, il film utilizza il cibo come mezzo di comunicazione e metafora,  intrecciandolo indissolubilmente con la storia del  protagonista, accompagnandolo in tutto il suo percorso di crescita.

Ci troviamo alle fine degli anni 50’ e ben presto Fanis con la sua famiglia è costretto ad abbandonare la Turchia per trasferirsi in Grecia, in seguito alla crisi politica tra i due paesi  avvenuta in quegl’anni .

Costretto ad abbandonare la bottega del nonno e il suo amore infantile Saima, il protagonista si troverà a dover crescere  con la sua famiglia, le loro tradizioni e  il ricordo di Saima, in una paese, la Grecia, che li considera “stranieri”.

Un tocco di zenzero è una favola, che oscilla tra commedia e dramma, un’opera impregnata di nostalgia, che tocca il suo culmine quando Fanis, ormai adulto, torna a Istanbul  come professore universitario di astronomia e riesce solo a sfiorare ciò che per tutta la vita aveva aspettato e immaginato nella sua cucina.

This entry was posted in Cultura, Film and tagged , , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>